Costruire un albero genealogico con Microsoft Excel

Analizza il tuo albero di famiglia con un foglio di calcolo


Autore: Andrea Pacchiarotti
Ultimo aggiornamento: 27 Gennaio 2018
Categoria: Excel


Come migliorare la velocità di caricamento di un sito web


Creare un albero genealogico con Excel non è particolarmente difficile, ovviamente bisogna aver prima condotto indagini sulle ascendenze della propria famiglia e solo dopo si può costruire un albero genealogico con Excel (quasi) completo.

Indice Creare un albero genealogico con Excel

  1. Perché proprio Excel
  2. Terminologia
  3. Come usare i dati
  4. Statistiche
  5. Grafici

Perché proprio Excel

Excel permette di personalizzare ed aggiungere qualsiasi tipo di statistica o grafico venga in mente in modo totalmente gratuito. Family Search fa già questo servizio però ciò che vi si inserisce è modificabile da chiunque; su Ancestry di gratuito c’è solo la creazione dell’albero genealogico, ma poi se per esempio si desidera accedere agli alberi di altri abbonati in tutto il mondo, completare il proprio attraverso la rete mondiale Ancestry, contattare milioni di abbonati al servizio, accedere a documenti storici dell’Italia e del mondo, si deve (giustamente) pagare.

Excel offre un modo semplice, gratuito (chi non ha Excel sul proprio computer...), senza pubblicità ed in italiano per analizzare il proprio albero genealogico: le formule ed i grafici possono essere utilizzati per rappresentare ed automatizzare in modo accattivante tantissimi dati statistici in modo da scoprire l'aspettativa di vita media dei propri antenati, i nomi più comuni e tanto altro. Quando si è terminato il proprio lavoro si potranno poi condividere in famiglia i risultati ottenuti o usarli per capire la propria storia di salute familiare in modo più approfondito.

Con Excel è facile esplorare le varie statistiche della propria storia familiare e individuare detentori di record. Una volta inseriti i dati degli antenati nelle celle dello spreadsheet più famoso al mondo, non è necessario inserire ulteriori informazioni, ma basta cliccare sul foglio opportuno per visualizzare panoramica, luoghi, età, nascite, matrimoni, figli, divorzio. Appariranno informazioni e grafici riassuntivi di facile lettura.

Con Microsoft Excel è possibile creare alberi genealogici dettagliati mediante uno spreadsheet in italiano lineare e facile da usare.
Il software applicativo Excel aiuta a sviluppare collegamenti familiari complessi tramite funzioni statistiche, grafici, filtri relativi ad ogni tipo di informazione, convalida dati per inserire notizie rispettando vincoli prestabiliti e formattazione condizionale per colorare automaticamente in base a determinati criteri. I dati saranno poi esportabili in tutti i formati necessari.

Ecco di seguito un piccolissimo estratto di ciò che si può fare con Excel sui dati genealogici
Excel e alberi genalogici

Esempio 1: Excel per la genealogia

Nell'immagine soprastante, oltre ad impostare i filtri e la formattazione automatica, si è adoperata la funzione di conteggio CONTA.SE per determinare il numero di maschi e di femmine sul quale si è poi costruito il grafico a torta.
In un'altra colonna (tra le molte altre) qui non visibile c'è invece il calcolo automatizzato dell'età alla data della morte calcolata con la funzione XDATEYEARDIF.
Questi sono solo due piccoli esempi sulle infinite possibilità che offre il fantastico applicativo Microsoft Excel.

Excel e alberi genalogici

Esempio 2: Excel per la genealogia

In quest'altra immagine si è solo abbozzato un albero genealogico con le generazioni per riga e, all'interno delle celle, i nominativi dei consorti. Le celle con le linee più marcate mostrano il filo genealogico mentre le stesse sono cliccabili per portare ad una scheda dettagliata del componente familiare. Naturalmente ogni cella può essere implementata con notizie ulteriori come date o miniature dell'immagine della persona.


Filo genealogico di Andrea Pacchiarotti in Excel
Esempio 3: Filo genealogico di Andrea Pacchiarotti in Excel

Terminologia

Anche la terminologia è importante, non è il caso infatti di usare un termine generico come avo per i propri ascendenti, ma è bene dividere almeno nelle seguenti generazioni:

  1. Padre/Madre
    e poi per il maschile e femminile
  2. Nonno
  3. Bisnonno
  4. Trisavolo
  5. Quadrisavolo
  6. Padre del quadrisavolo
  7. Nonno del quadrisavolo
  8. Bisnonno del quadrisavolo
  9. Trisavolo del quadrisavolo
  10. Quadrisavolo del quadrisavolo

Per avere un'idea di quanti antenati si compone un albero genealogico di 20 generazioni basta stupirsi con l'immagine sotto riprodotta che per una genealogia di 20 generazione giunge alla stupefacente cifra di 1.048.575 individui (le righe di Excel 2016 sono 1.048.576)!
Individui per generazione

Individui per generazione

Questo porta a 68 miliardi di antenati attorno all’anno 1100 (d.C.)! E prima dell’anno 0? Improponibile.
Per risolvere questo dilemma si ricorre al concetto di Pedigree collapse: se si torna (molto) indietro nel proprio albero genealogico si scopre che circa l'80% di tutti i matrimoni sono stati tra cugini perché, per gran parte della storia, gli individui vivevano in un gruppo ristretto di persone e luoghi; così se due cugini avevano  un figlio, egli avrebbe avuto (solo) 6 bisnonni e non 8, cioè 8 caselle dell’albero verrebbero compilate, ma 2 sarebbero i duplicati di altri 2.
Quindi il proprio albero, orientativamente attorno al 1200 d.C., comincerà a restringersi divenendo da conico a romboidale.

La questione oltre che storica si incrocia con la formula (n-1) 2d nd
n=numero medio di figli di una famiglia
d=grado del cugino che si vuole trovare.
Esempio:
cugini di 3° grado (d=3) se il numero medio di figli di una famiglia è 2 (n=2): (2-1)*23*23=64
cugini di 4° grado (d=4) se il numero medio di figli di una famiglia è 3 (n=3): (3-1)*24*34=2.592
Excel: calcolo del Pedigree Collapse

Excel: calcolo del Pedigree Collapse

Per usare questa formula nel proprio caso bisogna conoscere n, il che non è semplice, ma ci si può basare su dati statistici nazionali.


Come usare i dati

Statistiche

Excel può offrire centinaia diversi set di statistiche interessanti per un albero genealogico utilizzando grafici accattivanti; solo a titolo di esempio ecco eventuali dati che si potranno visualizzare:

Si troveranno anche aneddoti come le coppie che hanno avuto più figli, i matrimoni più brevi, il più vecchio familiare vivente o vissuto e molto altro.

Grafici

Ma come si sa Excel non offre solo la possibilità di effettuare calcoli, ma anche di creare grafici e così per quanto riguarda questi ultimi se ne avranno di vario genere, vivente vs deceduto, stato delle relazioni, cognomi comuni e nomi comuni, posizione per paese, dei luoghi di nascita e morte, età in base alle date di nascita e di morte, i più anziani, i più giovani, l'aspettativa di vita media, chi ha vissuto di più e di meno, nascite per segno zodiacale e per secolo e decennio. Altri grafici concernono i matrimoni e rappresentano il numero di matrimoni, l’età al matrimonio, i più anziani sposati e più giovani sposati; numero di bambini per famiglia, la famiglia con più bambini, l'età di quando si hanno avuto i bambini, ecc.

Se vuoi creare il tuo albero genealogico corredato da statistiche e grafici su Excel o pubblicare un sito web con i tuoi antenati...

 


Per ricevere nella tua mail tips and tricks, ovvero suggerimenti e trucchi su Microsoft Office e Web in generale iscriviti gratuitamente alla newsletter


Richiedi un preventivo gratuito