Seguimi sui social
Profilo LinkedIn Profilo Facebook Profilo Twitter Profilo Google+
Home > Archivio > Piano editoriale e calendario editoriale

Piano editoriale e calendario editoriale

Come costruirli in Excel

Autore: Andrea Pacchiarotti
Website: www.andreapacchiarotti.it
Ultimo aggiornamento: Agosto 2016



Piano Editoriale

È una sorta di calendario, creato ad esempio tramite Excel, che permette di programmare la strategia sui social o sul proprio sito riguardo i contenuti da pubblicare. 
Per costruirlo si passa dall’inevitabile briefing tra le parti interessate alla scelta dei contenuti tramite un adeguato numero di parole chiave che riguardano il brand in questione; inserendo tali keywords su:

  • SEMrush si ottengono le parole chiave corrispondenti da utilizzare nella strategia
  • Tagboard si ottengono le relative conversazioni in rete e i social in cui esse hanno luogo; inoltre permette di costruire una board per tenersi aggiornati.
  • Google Trends e Google Adwords Keyword tool si viene a sapere tra le altre cose quante volte e dove una keyword è stata adoperata

È inoltre utile consultare:

  • Blogmeter per analizzare conversazioni sui social media
  • Social Insight per ottenere dati su ad esempio i propri account Facebook o Twitter, in modo da targettizzare il pubblico
  • Flipboard per rintracciare ulteriori informazioni utili nella propria content strategy
  • Bisogna successivamente scegliere video e immagini (anche meme) da distribuire: Pixabay e Shutterstock possono in tal caso essere utili. Considera che tali contenuti massimizzano l’engagement e portano a maggiori condivisioni rispetto al testo che comunque deve sempre essere abbondante, utile e coerente; riguardo i video potresti ad esempio realizzare un tutorial che mostri l’uso dei tuoi prodotti. Tramite Landscape puoi ridimensionare le immagini da pubblicare ottimizzate per i profili di social network.

Il Piano editoriale è suddivisibile in:

  • Obiettivi misurabili e valutabili da raggiungere: es. ottimizzare il posizionamento sui motori, ottenere maggiori like su Facebook, +1 su Google+, iscritti su YouTube, collegamenti su LinkedIn, follower su Twitter, aumentare le visite ad un sito, fidelizzare il cliente
  • Target: definire a quale pubblico indirizzare i contenuti realizzati, si potrebbe creare una Personas con specifiche quali ad esempio: età, interessi, residenza per delineare il consumatore-tipo e adattare così la modalità linguistica ovvero il modo di comunicare e i social più indicati.
  • Contenuti: inserire per ogni riga i macro argomenti da trattare, le keywords da usare e i link di ogni tipo che possono essere utili.
  • Canali attraverso i quali diffondere i contenuti: es. social e sito.
  • Frequenza di pubblicazione: decidere ogni quanto tempo pubblicare i contenuti, tenendo presente che l’importante è la costanza.
Ecco lo screenshot di esempio di un ipotetico piano editoriale privo di contenuto fatto in Microsoft Excel
Piano editoriale

Calendario editoriale

Se pubblichi vari tipi di articoli sui Social network e vuoi tenere sotto controllo quello che fai, già dopo pochi giorni sentirai la necessità di avere un tool che ti aiuti a gestire le pubblicazioni già fatte e quelle da pianificare. La social media dashboard dovrà contenere una serie di campi nei quali scrivere almeno: il Giorno di pubblicazione dell’articolo, la Piattaforma (es. Facebook), la Categoria (es. SEO), il Tipo di contenuto (es. articolo, recensione), il Titolo, ovviamente personalizzerai i campi a tuo piacimento inserendo quelli che riterrai più opportuni.
È il calendario che aiuta ad organizzare i contenuti e suggerisce cosa e quando pubblicare (o se è già stato postato o se hai duplicato il titolo di un articolo) ed è il primo passo per iniziare la propria strategia di content marketing. Spesso dopo un po’ che si pubblica si perde il ritmo, il calendario editoriale risolve anche questa complicazione perché permette di programmare gli articoli in maniera efficiente nonché revisionare senza sforzo il lavoro già concluso in passato.

Gli strumenti per farlo sono tanti:

  • Il classico quaderno cartaceo (nell’era digitale? “Nun se po’ sentì” come si dice qui a Roma)
  • Vari software gratuiti e a pagamento che puoi trovare online (es. Kapost, ContentDJ, Divvy HQ, Trello, PostPickr, WordPress Editorial Calendar)
  • Google Calendar: si può creare un calendario diverso per ogni progetto con un nome, corredarlo con data e ora, durata, didascalia, allegati e condividerlo in caso sia gestito da più persone; ma personalmente preferisco la soluzione successiva (foglio di calcolo) perché Google Calendar s’interfaccia (in un certo senso si mischia) con Gmail ed i contatti in esso presenti
  • Un foglio di calcolo: Microsoft Excel o Fogli Google di Google Drive: rispetto agli altri offre il vantaggio di poter lavorare con formule e funzioni per ottenere dei riepiloghi automatici (es. calcolare i termini usati in un campo per sapere: il numero di articoli scritti e/o quelli pubblicati; quelli scritti rispetto ad una data keyword; quelli condivisi; il numero di volte in cui è stato usato un termine nei titoli; il numero di articoli redatti da ogni autore, ma le possibilità sono infinite così come gli strumenti che hai a disposizione nell’applicativo. Come Google Calendar dà ad esempio l’opportunità di usare i colori, ma il foglio di calcolo lo fa in maniera più professionale attraverso la formattazione condizionale, ma poi permette anche di creare elenchi a discesa, ordinare, filtrare, esportare, condividere e molto di più.
    Ecco lo screenshot di un estratto del mio calendario editoriale fatto in Microsoft Excel dove tra le altre cose ho usato Funzioni, Formattazione condizionale, filtri ed elenchi a discesa; è composto da 2 fogli, il primo con il calendario vero e proprio ed il secondo con delle funzioni di riepilogo in maniera tale che modificando i dati del primo  si aggiornino i risultati nel secondo. Ecco di seguito un piccolo estratto di 5 settimane a cavallo tra giugno e luglio:

    Calendario editoriale 1Estratto foglio 1

    Per calcolare le varie funzioni di riepilogo elencate nell’estratto di sinistra ho usato le funzioni Somma, Conta.se, Conta.valori e funzioni in forma di matrice che da foglio 2, lavorano in foglio 1.
    Calendario editoriale 2
    Estratto foglio 2

Scarica questo articolo in PDF.

Se Piano editoriale e calendario editoriale è stato utile, seguimi sui Social networks cliccando i pulsanti in alto a destra di questa pagina.

Per restare aggiornato sulla pubblicazione di nuovi articoli su Microsoft Office, Adobe e web in generale iscriviti gratuitamente alla newsletter

Se invece vuoi condividere questo articolo nella tua Rete sociale, puoi utilizzare i bottoni qui sotto:


Lascia un commento