Core Web Vitals

Segnali web essenziali di Google

Autore: Andrea Pacchiarotti
Ultimo aggiornamento: 11 Agosto 2021
Categoria: Microsoft Office Core Web Vitals

Lavorare con Excel partendo da zero
Core Web Vitals

Che Google dia importanza ai Core Web Vitals si è capito quando ha inserito nel Search Console un link denominato proprio Segnali web essenziali (traduzione di Core Web Vitals); ne introdusse anche un altro chiamato Usabilità su dispositivi mobili che, già in tempi non sospetti, asserivo fossero fondamentali in termini di SEO, e specificatamente per l’esperienza utente, specialmente per device come lo smartphone. Usabilità e accessibilità sono infatti fondamentali anche per l’ottimizzazione sui motori di ricerca, forse può interessarti il libro su Amazon. In questo articolo vedremo cosa sono i Core Web Vitals e come migliorarli per salire in SERP.

Sommario Core Web Vitals

Cosa sono i core web vitals

La Rete muta repentinamente e spesso è necessario rivedere la struttura dei siti web: oggi, ad esempio, è assolutamente necessario riflettere dal punto di vista mobile first. Con i Core Web Vitals Google cerca di spostare l’attenzione dei navigatori sull’ottimizzazione della User experience, in primis, da ambiente mobile e, inevitabilmente, i Segnali web essenziali sono diventati fondamentali per il posizionamento. I Core Web Vitals sono un insieme di parametri legati a fattori quali velocità, stabilità e tempo di risposta di un sito web.


Misurare i core web vitals del tuo sito web

PageSpeed Insights è lo splendido strumento gratuito di Google che misura i Core Web Vitals e lo fa sia per i dispositivi mobili che per il desktop. Provalo istantaneamente inserendo nella sua barra di ricerca l’URL della tua homepage e… prendi il fazzoletto per asciugarti le lacrime.
Spesso le pagine web ottengono infatti un punteggio preoccupante per il posizionamento, ovvero non superano 49 (il valore va da 0 a 100).

Core Web Vitals testate su una pagina Google
Core Web Vitals testate su una pagina Google

I segnali web essenziali sono essenzialmente 4:

Le metriche suddette vengono valutate in base ai seguenti limiti:

Veloci

Da migliorare

Scadenti

FCP

<=1,8

<=3 s

>3 s

LCP

<=2,5 s

<=4 s

>4 s

FID

<=100 ms

<=300 ms

>300 ms

CLS

<=0,1

<=0,25

>0,25

Altri indicatori:

Molte di queste metriche si possono migliorare semplicemente con la velocità del server. Se hai acquistato un server scadente, basta spendere un po’ di più per risolvere molte problematiche.

Capire se hai problemi con i core web vitals

Nella Search Console Google ha una voce apposita dedicata proprio ai Segnali web essenziali (appena sotto di essa c’è invece Usabilità su dispositivi mobili): cliccandola avrai un report che riporterà il numero di link scadenti, che richiedono miglioramenti e buoni. Se molti tuoi URL sono segnalati nella Search Console come scadenti, forse dovresti rivedere il tuo layout... Hai un sito statico, cioè uno di quelli fatto a mano? Se conosci i tag HTML, le regole CSS e la programmazione JavaScript te la puoi cavare da solo. O forse hai acquistato un tema molto grafico e pieno di opzioni su Themeforest (o simili), come ad esempio Avada? Allora probabilmente c’è un sacco di materiale che a te non occorre. Per accrescere la velocità e migliorare i parametri di Google dovresti eliminare tutto ciò che non è necessario. Bisogna ripensare a come costruiamo i siti ed eliminare il superfluo.

Risolvere problemi relativi ai core web vitals

Dopo aver ottenuto il punteggio compare, nella parte bassa della pagina del tool Google Speed Insights, una sezione chiamata Opportunità che offre dei suggerimenti possono aiutarti a velocizzare il caricamento della pagina:


Per saperne di più su Microsoft Excel potrebbero interessarti i video corsi Excel o questi libri:


Se vuoi approfondire alcuni dei temi trattati, visita la pagina con le mie pubblicazioni cartacee e online

Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo!

Segui l'hashtag #AndreaPacchiarotti