Indice Gulpease

Come quantificare la leggibilità del testo

Autore: Andrea Pacchiarotti
Ultimo aggiornamento: 22 Agosto 2019
Categoria: Web Marketing Indice Gulpease

Indice Gulpease
Indice Gulpease

Per leggibilità del testo (quello che gli inglesi chiamano readability) si intende la condizione per cui un qualcosa di scritto è comprensibile, facile da leggere. Sicuramente della leggibilità di un testo dovrebbe tenerne conto chi si occupa di SEO copywriting, ma va anche considerato che un contenuto è rilevante non tanto per la sua leggibilità, quanto per la sua utilità nei confronti degli utenti. Il test di Gulpease valuta un documento in una scala fino a 100. Più alto è il valore, più è facile comprendere il testo. Per la maggioranza dei documenti standard, il punteggio è compreso tra 60 e 70 punti.

Sommario Indice Gulpease

  1. Leggibilità fisica
  2. Leggibilità linguistica
  3. Formula dell'Indice Gulpease
  4. Altri indici
Scala Gulpease

Leggibilità fisica

Se riproduciamo un documento cartaceo sul web difficilmente questo risulterà altrettanto leggibile, per il semplice motivo che il monitor del computer non è molto adatto alla lettura per motivi fisici.
Essendo legata ad una proiezione di fasci luminosi su uno schermo, la lettura sul web diminuisce la capacità di concentrazione del lettore e diventa rapidamente faticosa (più lenta del 25%-30% rispetto a quella su carta).
Risultato: l'utente web legge raramente parola per parola, preferendo piuttosto scannerizzare la pagina alla ricerca di punti di approdo che attirino la sua attenzione (grassetti, titoli, spaziature, ecc...) e saltando velocemente da una parte all'altra della pagina.
La conoscenza delle specificità della lettura sul web ha permesso di adattare la redazione del testo a questi nuovi vincoli e di formulare specifiche regole di scrittura.

Leggibilità linguistica

Usare termini semplici è quasi un dovere nei confronti del lettore che non possiede la nostra stessa formazione e spesso decreta il successo di un testo su Internet, dove all'utente basta un clic per abbandonare un testo incomprensibile.
La leggibilità linguistica, riguarda l'uso della lingua in tutte le sue componenti, dalla scelta dei termini e della sintassi impiegata, all'articolazione dei contenuti.

Il primo a dichiarare che la leggibilità di un testo è un concetto misurabile, è stato lo studioso americano Rudolph Flesch, che ha proposto un metodo per misurarla: Indice di Flesch, 1946.
La formula di Flesch è stata adattata alla lingua italiana da Roberto Vacca.
In base a questa formula un testo può essere considerato ad alta leggibilità quando il valore numerico è superiore a 60, a media leggibilità quando si colloca fra 50 e 60, a bassa leggibilità quando è inferiore a 40.

Esistono anche altri indici, tra cui il più famoso è il cosiddetto Indice GULPEASE, in grado di misurare la leggibilità di un testo non solo in valore assoluto, ma anche rispetto a vari livelli di scolarizzazione.
La scala di leggibilità secondo questo indice va da 100 (leggibilità massima) a 0 (leggibilità nulla).
I lettori che hanno un'istruzione elementare leggono facilmente i testi che presentano un indice superiore a 80.
I lettori che hanno un'istruzione media leggono facilmente i testi con indice superiore a 60.
I lettori che hanno un'istruzione superiore leggono facilmente i testi con indice superiore a 40.
Parola d'ordine: semplificare!

I suggerimenti riguardano essenzialmente tre livelli del testo: l'organizzazione logico-concettuale, la sintassi, le parole.
Per ogni livello esistono suggerimenti e regole da applicare ai testi per aumentarne la leggibilità.
Ne riporto di seguito alcuni:


Formula dell'Indice Gulpease

L'Indice Gulpease è una delle formule realizzate nel 1988 nell'ambito delle ricerche del GULP (Gruppo Universitario Linguistico Pedagogico) presso il Seminario di Scienze dell'Educazione dell'Università di Roma La Sapienza.
L'Indice considera due variabili linguistiche: la lunghezza della parola (espressa dalla media del numero di lettere) e la lunghezza della frase (espressa dal numero medio di parole per frase).

La formula dell'Indice Gulpease è la seguente:
89 + ((300*nf -10*nl)/np)
dove:
nf=numero delle frasi
nl=numero delle lettere
np=numero delle parole

I risultati della formula oscillano, come detto, su una scala di valori compresi tra 0 e 100, dove il valore 100 indica la leggibilità più alta e 0 la leggibilità più bassa.
Data la sua semplicità d'uso, l'Indice può essere utilizzato per analizzare sia testi brevi che testi lunghi: in quest'ultimo caso è necessario operare su una campionatura del testo.
L'Indice Gulpease è il primo indice di leggibilità tarato sulla lingua italiana e ha il vantaggio di calcolare la lunghezza delle parole in lettere, anziché in sillabe.


Altri indici

Esistono ovviamente anche altri indici utili per testare la lingua inglese:

FLESCH–KINCAID

Flesch reading ease
Flesch reading ease

GUNNING FOG INDEX

Gunnin fog index
Gunnin fog index

SIMPLE MEASURE OF GOBBLEDYGOOK (SMOG)

SMOG Simple Measure of Gobbledygook
Simple Measure of Gobbledygook

AUTOMATED READABILITY INDEX (ARI)

ARI Automated Redability Index
Automated Redability Index

ma noi siamo italiani e quindi ce ne freghiamo... :-)


Per saperne di più sul Web Marketing potrebbero interessarti questi libri:

Se vuoi approfondire alcuni dei temi trattati, visita la pagina con le mie pubblicazioni cartacee e online.

Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo!

Segui l'hashtag #AndreaPacchiarotti