Seguimi sui social
Profilo LinkedIn Profilo Facebook Profilo Twitter Profilo Google+
Home > Archivio > Access: tipo dati della tabella

Access: tipo dati della tabella

Ottimizzare il tipo dati nell'oggetto tabella

Autore: Andrea Pacchiarotti
Website: www.andreapacchiarotti.it
Ultimo aggiornamento: Marzo 2017

Access

Il primo oggetto che si crea in un database Access è certamente la tabella e solo successivamente si pensa alle maschere, alle query ed ai report.
La tabella si può creare in più modi, ma quello che dà maggior controllo nella sua realizzazione è farla in visualizzazione struttura.
Da qui si deve decidere il tipo di dato da memorizzare nei campi che si andranno a creare e successivamente a popolare con i record.

Access: record, campo, tupla
Ad esempio se in Access si crea un campo Nome o Cognome questo dovrà contenere delle lettere e quindi verrà specificato un tipo di dato Testo in modo tale che possa ricevere da 0 a 255 caratteri.

A volte può succedere che un campo apparentemente di un tipo riceva però un tipo dati diverso dalle aspettative; ad esempio se si crea un campo NumeroTelefono, che dunque riceverà numeri, o un campo Indirizzo che probabilmente riceverà caratteri alfanumerici, si potrebbe decidere di utilizzare un tipo dato Testo (che occupa meno memoria rispetto a Numerico) poiché su tali campi non ha senso compiere operazioni matematiche.

Ogni tipo di dato ha le proprie Proprietà impostabili nella zona inferiore della finestra dalla scheda Generale.

Ecco i formati disponibili per ogni tipo di dati e cosa permettono di visualizzare:

Testo (da Access 2013 chiamato Testo breve): valori alfanumerici brevi come un Cognome.

Memo (da Access 2013 chiamato Testo lungo): come Testo, ma permette di memorizzare più caratteri come ad esempio un campo Note.

Numero: valori numerici come Età.

Valuta: valori di valuta come Stipendio.

Contatore (da Access 2010 chiamato Numerazione automatica): valori univoci per rendere unici i singoli record. L'uso più comune per un campo Numerazione automatica è come chiave primaria.

Sì/No: valori Sì e No e campi che contengono solo uno dei due valori come ad esempio Laureato.

Oggetto OLE: un’immagine, un foglio di calcolo, un documento o un altro file supportato allegato ai record dell’archivio.

Data e ora: valori di data e ora per gli anni compresi tra 100 e 9999 come Assunzione.

Formato RTF: testo o testo e numeri formattabili con i comandi di colore e carattere.

Campo calcolato (a partire da Access 2010): risultati di un calcolo che si riferiscono ad altri campi nella stessa tabella. Per creare il calcolo è possibile usare il Generatore di espressioni.

Allegato: uno o più immagini, fogli di calcolo, documenti e altri file supportati allegati ai record dell’archivio. Rispetto all’Oggetto OLE permette quindi di allegare più oggetti nello stesso record; inoltre sono più efficienti perché l’Oggetto OLE per memorizzare un’informazione arriva anche a creare un dato che risulta fino a dieci volte più pesante dell’originale cosa che invece non avviene con il tipo dati Allegato.

Collegamento ipertestuale: testo o testo e numeri archiviati come testo e usati come link, ad esempio E-mail.

Calcolato: campi di tabella per calcolare valori, come se si utilizzasse una funzione in Excel, ma qui le possibilità sono molto minori.

Ricerca: elenco di valori recuperati da una tabella o da una query o da un’altra fonte. Viene avviata la Ricerca guidata dov’è possibile effettuare un’immissione personalizzata dei dati o ricercarli da una tabella o una query. Il tipo di dati di un campo Ricerca è Testo o Numero, a seconda di quanto scelto durante la procedura guidata. I campi Ricerca hanno un’altra scheda di Proprietà chiamata Ricerca situata accanto alla scheda Generale. Un esempio di campo con tipo di dati Ricerca potrebbe essere Provincia.

Potrebbe interessarti anche conoscere le Proprietà del tipo dati di un campo di Access

Scarica questo articolo in PDF.

Se Access: tipo dati è stato utile, seguimi sui Social networks cliccando i pulsanti in alto a destra di questa pagina.

Per restare aggiornato sulla pubblicazione di nuovi articoli su Microsoft Office, Adobe e web in generale iscriviti gratuitamente alla newsletter

Se invece vuoi condividere questo articolo nella tua Rete sociale, puoi utilizzare i bottoni qui sotto:


Lascia un commento