Seguimi sui social
Profilo LinkedIn Profilo Facebook Profilo Twitter Profilo Google+
Home > Archivio > Costruire un sito web funzionante

Costruire un sito web funzionante

SEM, SEO, SEA, SMM, SMO, SMA ma non solo...

Autore: Andrea Pacchiarotti
Website: www.andreapacchiarotti.it
Ultimo aggiornamento: Febbraio 2017

Costruire un sito web che funziona

Sono moltissimi i fattori che influenzano la costruzione di una sito web funzionante tecnicamente e portatore anche di frutti; in ogni caso esso deve avere una base solida di ottimizzazione SEO per ottenere visibilità sui motori di ricerca.
Si parte dalla costruzione del layout grafico il quale deve rispettare almeno i seguenti criteri:

  • Responsività
  • Semantica
  • Usabilità
  • Accessibilità
per passare al rispetto della sintassi di markup (convalida del codice utilizzato) e alla successiva ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO - Search Engine Optimization e Local SEO) e per i Social media principali (SMO - Social Media Optimization) al fine di migliorare il riconoscimento e la consapevolezza di un prodotto, un marchio, una persona, ecc.; quest'ultima, insieme alla pubblicità sui canali sociali (SMA - Social Media Advertising), rientra nella più generale attività di marketing tesa ad ottenere visibilità su Social e Community (SMM - Social Media Marketing).
Non può tralasciarsi il marketing (SEM - Search Engine Marketing) ovvero il complesso di attività finalizzate all’accrescimento della visibilità aziendale anche mediante il posizionamento sui motori di ricerca, il suddetto SEO, e l'advertising (SEA - Search Engine Advertising), cioè la pubblicità sui motori attraverso l’acquisto di annunci sponsorizzati visualizzati nei primi risultati di ricerca che, nel caso del circuito Google AdWords, sono al massimo i primi 3 (altri: Facebook Ads, Bing Ads, LinkedIn Annunci).
Le suddette attività tendono a ottenere la migliore rilevazione possibile da parte dei motori di ricerca attraverso i loro spider, per migliorare o mantenere un elevato posizionamento nella SERP (Search Engine Result Page), cioè nelle pagine di risposta alle interrogazioni degli utenti, dando quindi la maggior visibilità possibile a quanto pubblicato.
Nell'ambito della costruzione di un sito web bisogna sempre riferirsi al W3C (World Wide Web Consortium il cui Ufficio italiano è raggiungibile al seguente link: www.w3c.it), un consorzio formato da aziende informatiche di primaria importanza, ma non solo, che stabilisce standard di riferimento per il Web, ad esempio gli standard di HTML, XML, CSS ed altri. Il W3C rende disponibili validatori per il controllo ed altro software al seguente link: https://www.w3.org/Status

Checklist ottimizzazione

Di seguito uno stringato sommario delle pratiche di ottimizzazione indispensabili per ottenere risultati nel posizionamento sui motori di ricerca.
Per una trattazione completa puoi acquistare il manuale: "Posizionarsi sui motori di ricerca" dove verranno spiegate tutte le tecniche attuali per apparire in cima alle ricerche fatte dagli utenti.

Gli elementi che determinano il posizionamento nella SERP organica sono influenzati sostanzialmente da fattori:

  • On-page (o on-site) cioè interni alle pagine
    • Tipo di layout
    • Struttura del sito
    • Nome di URL, cartelle e file descrittivo, ma corto, ricco di parole chiave, ma non sovraottimizzati
    • Testo ricco, pertinente, unico, aggiornato, interessante
    • Uso delle parole chiave
    • Tag title
    • Tag h1 (unico) e h2
    • Tag strong
    • Tag canonical
    • Meta
    • Link esterni ed interni
    • Anchor text
    • Immagini e PDF con metadati
    • Alt e title con keyword
    • Microdati
    • Rich snippets
    • Redirects
    • Velocità di caricamento (non usare un CMS! Testa con PageSpeed Insights)
    • Usabilità (leggi le direttive Google a proposito dei mobile)
    • Accessibilità (leggi le linee guida del W3C)
    • Sitemap (importanza dell'attributo priority)
    • Robots
    • https
    • Strumenti di controllo (Visual SEO, link rotti esterni e interni, correttezza HTML, correttezza CSS)

  • Off-page (o off-site) cioè esterni alle pagine
    • Backlink
    • Email marketing
    • Advertising
    • Guest posting
    • Guide da condividere
    • DMOZ
    • Social media
    • Strumenti di controllo
Ma un buon posizionamento dipende anche da altri elementi quali:
  • Affidabilità e velocità dell’hosting
  • Anzianità del dominio e se ha sempre offerto contenuti di qualità
  • Popolarità del dominio anche sui Social
  • Comportamento degli utenti sul sito (tempo di permanenza, numero di pagine visitate, condivisione del sito sui social)

Se Costruire un sito web che funziona è stato utile, seguimi sui Social networks cliccando i pulsanti in alto a destra di questa pagina.

Per restare aggiornato sulla pubblicazione di nuovi articoli su Microsoft Office, Adobe e web in generale iscriviti gratuitamente alla newsletter

Se invece vuoi condividere questo articolo nella tua Rete sociale, puoi utilizzare i bottoni qui sotto: