Seguimi sui social
Profilo LinkedIn Profilo Facebook Profilo Twitter Profilo Google+
Home > Archivio > Creare un logo con Illustrator

Creare un logo con Illustrator

Come creare un logo per la propria attività

Autore: Andrea Pacchiarotti
Website: www.andreapacchiarotti.it
Ultimo aggiornamento: 01 Luglio 2017
Categoria: Siti web Illustrator

Creare un logo con Illustrator


Il logo che rappresenta la propria attività è un elemento grafico importante non solo sotto l’aspetto estetico, definisce infatti l’identità di un’attività e se curato e riconoscibile ispira fiducia aiutando le persone a ricordarlo. Per comunicare efficacemente e con successo si parte dunque da un logo professionale.

Per creare un logo con Illustrator bisogna usare la grafica vettoriale, ad esempio tramite un software come Adobe Illustrator che adopera equazioni matematiche per raffigurare le forme, ciò consente di creare dei loghi scalabili senza perdita di risoluzione e qualità occupano poca memoria, ma non sono adatte a rappresentare foto realistiche. Le immagini raster, a differenza di quelle vettoriali, sono formate dal prodotto di pixel che le compongono in altezza e larghezza: più la quantità e la densità di pixel è alta (i DPI), maggiore sarà la qualità dell’immagine; un esempio comune delle immagine raster sono le fotografie digitali e i documenti scannerizzati, rappresentano quindi foto realistiche, ma hanno il limite legato alla loro risoluzione originaria e allo stesso tempo immagini di alta qualità richiedono file di grandi dimensioni.

È utile fornire qualche consiglio prima di iniziare a creare un logo con Illustrator:

  • scaricare dei font accattivanti da siti quali ad esempio Dafont e MYFONTS facendo attenzione alla licenza di utilizzo
  • guardare loghi pronti per trovare l’ispirazione ad esempio navigando su Logofaves e Logopond
  • utilizzare il software Adobe Kuler per scegliere gli schemi di colori e che tra le altre cose permette di scaricare lo schema in altri software della famiglia come Photoshop e Illustrator
  • utilizzare icone gratuite, ponendo sempre attenzione a quelle coperte da copyright, scaricabili da Icon Finder e FlatIcon. Non si può sapere se altri usano od useranno la stessa icona, è quindi consigliabile modificarla almeno un po’.

Ovviamente i 4 precedenti non sono passi indispensabili per creare un logo con Illustrator, ma possono far comodo.
Ora passiamo alla pratica.

Da File/Nuovo è possibile specificare le dimensioni del logo, anche se salvandolo con il formato vettoriale sarà tranquillamente scalabile.
È possibile utilizzare le forme geometriche a disposizione cliccando dalla barra degli strumenti di sinistra l’icona Rettangolo (tenendo premuto il tasto sinistro del mouse è possibile scegliere altre forme quali Rettangolo con bordi arrotondati, Ellisse, Poligono, Stella, Riflesso); con lo strumento Riempimento è possibile colorare l’interno della forma, mentre con quello Traccia colorate il bordo.
Una volta creata la forma è possibile modificarla, a seconda della versione di Illustrator, con vari strumenti quali ad esempio Larghezza (e al suo interno Altera, Vortice, Risucchio, Gonfiamento, Smerlo, Cristallizza, Ruga), Trasformazione libera, Penna.
Creata la forma è possibile spostarla nel piano di lavoro usando lo strumento Selezione e cambiarne vari aspetti facendoci click con il tasto destro.
Oltre alle forme suddette da Finestra/Simboli si può accedere anche a dei simboli che basta trascinare sul piano di lavoro; per cambiarne il colore è possibile usare lo strumento Bomboletta Simboli con all’interno Sposta, Allontana/Avvicina, Ridimensiona, Ruota, Tonalità, Trasparenza, Stile. Per alterarne la conformazione, dopo averli selezionati con lo strumento Selezione (il puntatore nero), cliccare il pulsante in alto Modifica simbolo.
Ovviamente è anche possibile aggiungere il nome del sito o dell’azienda attraverso lo strumento Testo le cui caratteristiche (quali colore, opacità, carattere, allineamento, ecc.) sono impostabili dalla barra orizzontale in alto.

Il logo del presente sito, dalla forma vagamente triangolare con l'apice rivolto verso nord, esprime dinamicità, crescita e azione, una sorta di raffigurazione metaforica della direzione corretta da seguire.

Logo Andrea Pacchiarotti

Ottimizzazione SEO

  • Utilizzare la parola chiave come nome del file
  • Aggiungere i tag alt e title
  • Alleggerire il peso del file con strumenti online quali TinyPNG o Google Speed Insights
  • Inserire il logo nell’homepage del sito
  • Utilizzare i marcatori di Schema.org per i loghi allo scopo di aiutare i motori di ricerca a scoprire quale immagine del sito va considerata come logo. Ciò accresce le probabilità che Google mostri il logo nel pannello Knowledge Graph (a patto che Google ne mostri uno ricercando il nome della società).
    <script type="application/ld+json">
    {
    "@context": "http://schema.org/",
    "@type": "Organization",
    "url": "http://www.example.com/",
    "logo": "http://www.example.com/logo.png"
    }
    </script>
  • Usare il logo sui Social media
  • Impostare il logo nel codice Open Graph e Twitter Cards
  • Ottimizzare i dati EXIF (Exchangeable image file format) incorporando anche la locazione geografica per notificarlo ai motori di ricerca
  • La maggior parte dei marchi più celebri usa uno o due colori e possiede un logo semplice tanto da essere identificabile anche a piccole dimensioni

Salvataggio

Sono cinque i formati nativi con cui Illustrator salva un file: AI, PDF, EPS, FXG e SVG.
Nativi significa che mantengono tutti i dati (in PDF e SVG per conservarli tutti bisogna che però sia selezionata l’opzione Mantieni funzioni di modifica di Illustrator).
Nei formati non nativi il programma non recupera tutti i dati aprendo il file, quindi è consigliabile salvare i disegni in AI fino a quando non sono terminati e solo alla fine esportarli nel formato voluto.
Il formato EPS (Encapsulated PostScript) può contenere sia grafica vettoriale che bitmap e molti software di grafica, impaginazione ed elaborazione testi gestiscono proprio tale formato.
Il formato SVG (Scalable Vector Graphics) è il formato vettoriale per grafica di alta qualità; una sua variabile, l’SVG compresso (SVGZ, cioè zipped), può ridurre fino all’80% le dimensioni del file (anche se non può essere modificato con un editor di testi).

Rasterizzazione

La rasterizzazione converte da grafica vettoriale a bitmap, trasformando i tracciati in pixel.
È possibile rasterizzare oggetti vettoriali tramite Oggetto/Rasterizza (per creare l’aspetto di rasterizzazione senza cambiare la struttura dell’oggetto si opti per Effetto/Rasterizza). È altresì possibile rasterizzare un documento intero esportandolo in JPEG, GIF o TIFF.

Vettorializzazione

In Illustrator cliccare File/Nuovo… e impostare le dimensioni dell’immagine da vettorializzare, poi da File/Inserisci caricare l’immagine da cambiare in vettoriale; selezionarla cliccandola e dal menù Oggetto scegliere Ricalco immagine/Crea.
Se l’immagine non diventa in bianco e nero, selezionare da Finestra la voce Ricalco immagine/Modalità/Bianco e nero e cliccare Ricalca.
Quando l’immagine si è trasformata in vettoriale bianco e nera, potrebbe esser necessario colorata. Selezionarla e da Oggetto/Ricalco immagine cliccare Espandi. L’immagine sarà ricoperta da puntini di selezione blu: rimuoverli dal menu Seleziona/Deseleziona e cliccare sullo strumento Selezione diretta. Cliccare in un punto bianco del disegno e scegliere dal menu Seleziona la voce Simile/Colore di riempimento per isolare tutte le parti bianche dell’immagine da colorare; scegliere il colore da sostituire al bianco cliccando sul quadrato bianco in alto a sinistra (a destra di Oggetti misti) e l’immagine si colorerà. È possibile ripetere la stessa operazione anche per la parte nera.
Salvare in SVG da File/Salva con nome.

Leggi anche Come creare un sito web professionale

Dal seguente link scarica il pdf per Creare un logo con Illustrator


Se Creare un logo con Illustrator è stato utile, seguimi sui Social networks cliccando i pulsanti in alto a destra di questa pagina.

Per restare aggiornato sulla pubblicazione di nuovi articoli su Microsoft Office, Adobe e web in generale iscriviti gratuitamente alla newsletter


Se invece vuoi condividere questo articolo nella tua Rete sociale, puoi utilizzare i bottoni qui sotto: